Gruppi Facebook: a cosa servono?

Facebook offre tre strumenti: il profilo personale, la pagina e il gruppo anche se questi ultimi sono meno utilizzati perché se ne comprende meno l’utilità.

I Gruppi possono essere di diversi tipi e con diverse finalità:

aperti ovvero il cui contenuto è visibile a tutti, sia membri del gruppo che agli esterni
chiusi ovvero il cui nome e membri sono visibili a tutti, ma i contenuti sono visibili solo dagli iscritti
segreti non sono rintracciabili all’interno di Facebook, si accede tramite selezione da parte dell’amministratore (e l’invito da parte di qualche iscritto)

Il Gruppo è importante per le Aziende perché permette di dare molte informazioni ad hoc ad un pubblico fortemente interessato ai prodotti/servizi che produce.

Tutte le pagine aziendali devono creare un Gruppo?
Non necessariamente, dobbiamo -in primis – comprendere se abbiamo le risorse per gestire un Gruppo, un gruppo infatti ha bisogno di essere costantemente monitorato, creando contenuti speciali e rispondendo alle esigenze dei membri iscritti.

Occorre creare una community di persone attive e proattive con un reale interesse nel brand, per farlo occorrono tempo e competenze perché promuoverlo sui canali giusti non è semplice né produce effetti immediati.
Bisogna animarlo all’inizio, creando contenuti speciali e, successivamente, moderarlo, come accennavamo sopra, e farlo quotidianamente per evitare che si trasformi in una valle di spam e di post “buongiornissimo Kaffééééé” ma – soprattutto- occorre evitare che si trasformi in un deserto privo di interazione.

Perché creare un Gruppo?
Per i clienti, quelli veri, affezionati a cui regalare momenti/gadget/esperienze esclusive e a cui chiedere feedback relativamente a novità e eventi.
Con un Gruppo possiamo monitorare umori e interessi di chi ama il prodotto e ottimizzare la strategia di marketing e di comunicazione.

By | 2018-09-25T11:01:43+00:00 settembre 25th, 2018|How To|0 Comments